Dopo un confinamento in casa durato quasi due mesi, il 4 maggio gli italiani sono potuti uscire.
Chi per tornare in ufficio, chi per respirare a pieni polmoni questa libertà riacquistata e chi infine per
riabbracciare i famosi “congiunti”.
Quest’ultima è una delle novità più attese della «fase due»: la possibilità di ritrovare, dopo tanto tempo, i
genitori, i nonni, i nipoti, ma anche i fidanzati e qualche amico.
Dunque, con il dpcm del 26 aprile, molti degli ex coniugi (o fidanzati) che avevano deciso di rispettare le
prescrizioni del Governo (sospendendo il diritto di visita “fisico” ai figli in favore di costanti telefonate
e chiamate su Skype) ora potranno recuperare i weekend perduti tenendo con sé il figlio minore anche
per un periodo prolungato.

Leggi la newsletter completa qui