IL “GELO” DEL NUOVO DECRETO C.D. “NATALE”.

Come di pubblico dominio, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172 che ha sancito per buona parte del periodo festivo natalizio il ritorno di tutta Italia alla (purtroppo) arcinota e temuta “zona rossa”, fino al 6 gennaio compreso.

In maniera peculiare, il Decreto fissa le regole in ordine agli spostamenti (non) consentiti tra Regioni e da/per le province autonome di Bolzano e Trento, per disciplinare le visite ad amici e familiari, nonché i movimenti verso le seconde case.

Perde l’assegno chi ha un nuovo partner anche se non c’è coabitazione. Anzi no: parola alle Sezioni Unite.

Con l’ordinanza n. 28995/2020 del 17 dicembre 2020, la prima sezione civile della Suprema Corte ha rimesso in discussione il principio, fino ad oggi ormai consolidato, secondo cui la creazione, da parte del coniuge divorziato, di una nuova famiglia fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell’assegno divorzile.

Leggi la newsletter completa qui