Cassazione del 18 gennaio 2021: condizionale al padre che non versa l’assegno ai figli anche se non ha risarcito l’ex.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 1867 del 18 gennaio 2021, ha sancito un principio molto garantista per quei padri che non versano l’assegno ai figli, alleggerendo di molto le misure penali in cui incorrono.

In primo e secondo grado un 47nne, che aveva omesso di corrispondere gli alimenti ai figli come previsto nella sentenza di divorzio, era stato condannato alla pena di due mesi di reclusione ed euro 200,00 di multa per il delitto di cui agli artt. 3 della legge 8 febbraio 2006, n. 54 e 12 sexies legge 1 dicembre 1970, n. 898 in relazione all’art. 570, commi 1- 2, cod. pen.

Il marito preferisce il carcere ai domiciliari con la moglie.

E’ quanto emerge dalla sentenza n. 36518 del 18 dicembre 2020, emessa dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione, incaricata di decidere in merito ad una vicenda alquanto singolare.

Nello specifico, un uomo, nonostante dovesse scontare gli arresti domiciliari, era stato sorpreso fuori dalla propria abitazione; la motivazione dietro tale gesto, però, non è quella che ci si aspetterebbe. Il reo, infatti, si era allontanato dal proprio appartamento per presentarsi personalmente alla Caserma dei Carabinieri, poco distante, allo scopo di sfuggire ai continui litigi con la moglie.

Non viola il segreto professionale il ginecologo che rivela alla moglie la sterilità del marito se già quest’ultimo l’aveva posta a fondamento di una causa giudiziale.

Con la sentenza n. 318 del 7.1.2021 la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di un ginecologo, il quale era sì stato prosciolto dalla Corte d’Appello di Torino per i reati di rivelazione di segreto professionale e di diffamazione aggravata, in quanto ormai estinti per prescrizione, ma era comunque stato giudicato responsabile per detti reati dal punto di vista civile.

La Corte d’Appello, infatti, sosteneva che il ginecologo, nel rilasciare un certificato medico alla propria paziente, avesse rivelato, senza giusta causa, informazioni riservate, relative alla sfera personale e procreativa del marito della paziente stessa.

Leggi la newsletter completa qui