Conte sconfessa il Viminale che aveva detto un primo sì, poi diventato forse e che ora è no. Ma dà il via libera alla spesa con mamma al supermercato (il luogo a più alto rischi contagio). Insomma, il caos

Il contrordine di Giuseppe Conte arriva in diretta televisiva: nessuna passeggiata con i bambini. Così il del Presidente del Consiglio smentisce il proprio esecutivo, svuotando completamente la circolare del Viminale del 31 marzo, contraddicendolo totalmente.

Il Ministero degli Interni nella sua circolare parlava di passeggiate con i figli che vengono ammesse in quanto ascrivibili ad attività motoria all’aria aperta, autorizzando anche spostamenti dovuti a contingenze connotate da urgenza. Già prima del discorso di Conte il Viminale, assalito dalle critiche dei Governatori di Regione e Prefetti, ha emesso una nota chiarificatrice con il fine di ridimensionare la portata della precedente circolare, specificando che le “camminate” non andavano a sdoganare la possibilità di effettuare attività ludica e ricreativa all’aperto o accedere ai parchi gioco, ville, giardini pubblici o aree gioco.

Il Presidente del Consiglio invece nel suo discorso ha precisato che l’ora del passeggio con i figli non è mai stato autorizzato, ma viene concesso al genitore di portare con sé il minore quando va a fare la spesa: e allora dove sarebbe la “attività motoria all’aperto” se dalle mura di casa si passa a quelle di un supermercato?

Leggi l’articolo completo qui: https://www.panorama.it/news/cronaca/che-pasticcio-la-passeggiata-dei-bambini