Una sentenza della Cassazione stabilisce che un uomo ha diritto di sapere se è diventato padre, negando alla donna di poterlo nascondere.

E’ dell’immediato dopoguerra, da quando cioè è stata affermata la parità di genere nella Dichiarazione Universale dei diritti umani, che il mondo occidentale rincorre questo totem attraverso leggi ed enunciazione di principi volti a eliminare ogni discriminazione fra uomo e donna.

C’è sempre stato, però, un fattore biologico che attribuisce alle donne un potere che un maschio non avrà mai, ponendola in una posizione di assoluto privilegio operando un’inversione totale dei rapporti di forza: il diritto al concepimento o, persino, al non concepimento.

 

Leggi qui l’articolo completo: https://www.panorama.it/news/cronaca/anche-i-padri-inconsapevoli-hanno-diritti?fbclid=IwAR1DPFFnABQZnEV74XN5KxzYvMG9He9OhAAki_CGQfmyaSIKf_XtGee-W_M