QUEI FIGLI DI UN DIRITTO CREATIVO